Nota di Francesco Viva, coordinatore provinciale Lecce del Movimento Regione Salento

 

“Di primo acchito, abbiamo sorriso e poi riso di fronte al delirante manifesto commissionato dal segretario cittadino del Pd di Salve e Ruggiano, che sembra un’ode alla barzelletta. Matteo Pepe, divorato dall’invidia verso l’amministrazione Villanova e in questo caso specifico nei confronti del vicesindaco Giovanni Lecci, scrive vaneggiando ed ha il coraggio di tirare in ballo anche il nostro Movimento.

Vorremmo spiegare qualche concetto semplice che, con un po’ di impegno, può essere compreso anche dal segretario Pepe.

Punto primo. Il progetto in questione, quello di cui parla in modo errato e senza cognizione di causa Pepe, fu presentato nel 2019 dall’amministrazione Villanova in cui c’era anche lui, che però era occupato ad anelare ad un assessorato che non ha mai ricevuto e da qui è nata la sua rabbia contro l’attuale amministrazione, di cui non fa più parte, e l’invidia verso il vicesindaco Giovanni Lecci.

Punto secondo. Quando furono rese note le graduatorie quel progetto non fu finanziato, Salve non fu ammessa rimanendo tra i primi Comuni esclusi. All’epoca il vicesindaco Lecci rassicurò tutti perché vide lontano, dicendo che ci sarebbe potuta essere una seconda possibilità.

In quel momento arrivarono i primi improperi da parte del Partito Democratico ma, come al solito, ulularono alla luna cavalcando un tipo di politica becera fatta di bugie e insulti.

Una volta chiusi i progetti finanziati, con economia di gara c’è stato lo scorrimento delle graduatorie ed ecco che Salve per merito beneficerà, perché ancora non ha beneficiato di nulla, del finanziamento di 550mila euro per il recupero di Borgo Terra nel centro storico della città.

Punto terzo. In modo sconnesso dalla realtà, in questa boutade di manifesto, in questa accozzaglia di concetti e bugie ridicole, il segretario cittadino del Pd parla del progetto di Promenade a Torre Pali, senza sapere forse – oppure mente sapendo di mentire – che quel progetto non è stato ancora chiuso e si sta lavorando, ci sono lavori in corso.

Tanto premesso, vogliamo chiarire un passaggio importante: la Regione Puglia non ha fatto alcuna cortesia a Salve, ma c’è stata una commissione che ha scelto Salve per il merito dell’attuale amministrazione, dopo aver fatto scorrere la graduatoria. Di tutto questo cosa non ha capito Pepe, a tal punto da cadere nel ridicolo di un manifesto senza capo né coda?

Infine, visto che ha tirato in ballo il nostro Movimento, è vero che la madre di tutte le nostre battaglie è quella per diventare Regione ma, a differenza di Pepe, noi siamo costantemente impegnati in Regione Puglia col nostro presidente, e combattiamo nell’interesse di questo territorio. E Pepe cosa fa? Farnetica”.

Leave a comment